Il Regno Unito è il maggior produttore al mondo ma nega il valore terapeutico della Cannabis

Nel 2016 sono state prodotte 95 tonnellate di Cannabis ma l’uso medico non è riconosciuto dal governo inglese.

È incredibile come l’Independent, una delle maggiori testate giornalistiche inglesi, riporti la notizia che il Regno Unito sia risultato essere il maggior paese produttore di Cannabis legale, ad uso medico al mondo.

Nel 2016 si stima siano state prodotte 95 tonnellate; in Canada “solo” 80,7 nello stesso anno. A differenza dell’ex colonia inglese, nel Regno Unito l’uso di Cannabis a scopo terapeutico non è riconosciuto dal governo. Ha fatto il giro dei notiziari la storia del piccolo Alfie Dingley, bimbo epilettico che ha trovato la sua cura: l’olio di Cannabis. Purtroppo, nonostante le evidenze scientifiche, in UK resta illegale potersi curare con la Cannabis, soprattutto se si tratta di estratti provenienti da altri paesi, olio al CBD compreso. Il piccolo Alfie è quindi  rimasto senza cura, e probabilmente sarà costretto ad emigrare temporaneamente per poter vivere dignitosamente.

Cosa ci fa dunque l’Inghilterra con tutta quella Cannabis?

Lo stato britannico ha ricevuto l’autorizzazione a produrre la maggior quantità di Cannabis al mondo perché quasi tutto il raccolto è  destinato alla GW Pharmaceuticals per produrre il SATIVEX, noto farmaco spray a base di THC. Farmaco che è prescrivibile solamente in Galles, al momento.

Nonostante ciò, il governo nega che la Cannabis abbia un valore terapeutico. Steve Rolles, famoso scrittore e attivista pro Cannabis inglese, commenta la notizia, sottolineando quanto sia vergognosa una simile condotta da parte di uno stato che si reputa civile, che nega un diritto fondamentale ai propri cittadini: quello alla salute.

I genitori del piccolo Alfie hanno portato alla ribalta l’argomento e si spera che sempre più persone prendano coscienza che la Cannabis non è una droga pericolosa, bensì una droga utilissima per la salute umana, e non.

Intanto 2,1 delle 95 tonnellate prodotte nel 2016 sono state esportate in altri paesi, cifra che dona il primato alla Gran Bretagna anche di maggior export di Cannabis, seguita dall’Olanda.

Non è possibile che a Londra mandando un whatsapp al pusher sia disponibile qualsiasi varietà di Cannabis ma non ci possa curare legalmente con la stessa erba… gli inglesi si faranno sentire presto, soprattutto dopo la legalizzazione canadese…

Fonti: https://www.telegraph.co.uk/news/2018/03/06/britain-largest-exporter-legal-cannabis-world-despite-ban/

https://www.independent.co.uk/voices/decriminalise-marijuana-skunk-cannabis-health-poverty-action-a8381646.html

Condividi sui tuoi social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *